bianco e nero

come una foto. in bianco e nero. nessuna concessione al colore, alla spettacolarita', ai nuovi barbari. bianco e nero colori vividi dell'essenziale, solo l'autenticita' della forma. della sostanza. l'occhio vede e non si inganna.
"questo e' il mio segreto.
veramente semplice.
si vede bene solo con il cuore.
L'essenziale e' invisibile agli occhi."
Il piccolo principe. A.d.S-E.

lunedì 24 settembre 2012

un insolito autunno


Un insolito autunno aveva levato una cupola eccelsa,
Alle nubi era stato ordinato di non offuscarla.
E stupiva la gente, ché s’approssimava il termine del settembre,
Ma dove erano finite le giornate umide, gelide?
Di smeraldo s’era fatta l’acqua dei canali torbidi,
E l’ortica aveva preso a odorare come rosa, solo più forte.
V’era un sole tale, quale un ribelle penetrato nella capitale,
E l’autunno primaverile tanto avidamente gli si stringeva,
Che pareva di lì a poco avrebbe preso a biancheggiare il trasparente bucaneve.
Era così quando t’accostasti – tranquillo – all’ingresso della mia casa.

Anna Achmatova.

quante poesie leggo, ma quante.
a volte così esaltata, folgorata.
com'è l'autunno dell'Achmatova che invece di sfiorire rinasce a primavera?
cos'è che porta nel cuore, quale speranza, o ricordo, di lui che si approssima alla sua porta in un settembre splendente di bianco e di profumo di rosa?
che lingua è quella della poesia? una lingua che si fa di parole ma che delle parole si disfa una riga dopo l'altra, lasciando un altro senso addosso.

Ritratto di Anna Achmatova. Nathan Altman

4 commenti:

il giardino di enzo ha detto...

Poesia e pittura si somigliano molto, aprono spazi sconfinati nelle emozioni di chi legge/guarda.
Le didascalie sono dimenticate, gli orpelli, persino l'ortografia si accomoda in onore della Poesia.
Rimaniamo senza fiato di fronte alle poche e scarne parole di un/una poeta, a volte bastano due righe per aprire l'Universo.
E chi altro?
Buona giornata!

monteamaro ha detto...

Il tuo linguaggio per definire la lingua della poesia, è poesia...!
Conserva fin quando puoi, il desiderio di leggere: In loro compagnia non si è mai soli.
E pare proprio a volte, di averle scritte noi.
Ciao Rossa.

Rossa ha detto...

Ciao Enzo, va tutto bene? gli ultimi commenti erano preoccupanti...
non so se poesia e pittura si somigliamo, per ma comportano forme di coinvolgimento diverse. la parola rimane per me la seduzione più forte.
anche se è due giorni dopo, buona giornata anche a te.

Rossa ha detto...

Ciao Monteamaro, grazie. leggo, a volte mi sembra di non fare altro..