bianco e nero

come una foto. in bianco e nero. nessuna concessione al colore, alla spettacolarita', ai nuovi barbari. bianco e nero colori vividi dell'essenziale, solo l'autenticita' della forma. della sostanza. l'occhio vede e non si inganna.
"questo e' il mio segreto.
veramente semplice.
si vede bene solo con il cuore.
L'essenziale e' invisibile agli occhi."
Il piccolo principe. A.d.S-E.

sabato 10 dicembre 2011

tutta la verità su babbo natale


 Filastrocca del Natale

Ritorna ogni anno, arriva puntuale
con il suo sacco Babbo Natale:
nel vecchio sacco ogni anno trovi
tesori vecchi e tesori nuovi.
C'e' l'orsacchiotto giallo di stoffa,
che ballonzola con aria goffa;
c'e' il cavalluccio di cartapesta
che galoppa e scrolla la testa;
e in fondo al sacco, tra noci e confetti,
la bambolina che strizza gli occhietti.
Ma Babbo Natale sa che adesso
anche ai giocattoli piace il progresso:
al giorno d'oggi le bambole han fretta,
vanno in auto o in bicicletta.
Nel vecchio sacco pieno di doni
ci sono ogni anno nuove invenzioni.
Io del progresso non mi lamento
anzi, vi dico, ne son contento.
"Viva la scienza se ci dà
un poco più di felicità!".
Signori scienziati, vi prego, inventate
le meraviglie più raffinate:
ma per favore, lasciate stare
certi giocattoli che fanno tremare...
Non vanno bene per la mia sacca
le bombe atomiche e bombe acca!
Bella è la pace, chiara la via,
dite la vostra che ho detto la mia.

Gianni Rodari  

dimmi la verità, voglio sapere la verità.
non esiste, babbo natale non esiste.
mi avete ingannato, tutti questi anni mi avete ingannato.
no, eri un bambino, e babbo natale esiste solo per i bambini, ora forse non lo sei più.
si, è vero, ho perso babbo natale, ma sono felice di essere diventato grande e di sapere la verità.

2 commenti:

il giardino di enzo ha detto...

Il mito di Babbo Natale.
Sarebbe un bel titolo per una tesi o per una maturità. E mi piacerebbe ascoltare in merito qualcuno che ne sa più di me (es: te).
Penso che sia un mito "positivo", forse perché mi ricolloca all'infanzia, all'amore, alla tazza di caffellatte, lasciata in cucina nella notte, per il vecchio con la barba bianca.
Allora non conoscevo la cocacola, né il consumismo, e nemmeno le tecniche di persuasione e vendita.
Credo che tu abbia capito che sono fondamentalmente nostalgico nel mio approccio alla vita.
Un salutone e buona giornata

Rossa ha detto...

io non ne so più di te -ma cosa dici??- ma come te penso che babbo natale sia una realtà meravigliosa, è l'essenza dell'infanzia, la credenza assoluta di cose belle e magiche, di calore e di amore, di dono e di favole. mi ricordo, un po' a fatica la mia fede di bambina, ma ho vissuto con grande partecipazione e stupore quella dei miei figli.
buona serata